Papa Francesco Asti

IL COMITATO PAPA FRANCESCO ASTI INCONTRA L’AMERICA LATINA A MONTEMAGNO.

Asti, 4 ottobre 2014. – Una mattinata all’insegna dei racconti su Argentina, Venezuela, Brasile, Canada e Bulgaria. Così l’Amministrazione Comunale di Montemagno, rappresentata dal Sindaco Claudio Gotta e dai suoi Assessori, in collaborazione con“Asti Ali e Radici, Astigiani nel Mondo” e il “Comitato Papa Francesco”, hanno accolto Silvana Repayre con la sua famiglia (la figlia Marina e la nipote Viola) e Paolo Rosso, montemagnesi di origine e adottati durante buona parte della loro vita dall’America Latina e dalle sue colorate storie di vita.

Silvana, classe 1929, ricorda suo papà, originario di Torino ma sposato con una montemagnese, quando nel 1949 parte per l’Argentina e diventa imprenditore per la FIAT, creando una fabbrica con 15 operai nel settore meccanico. Lei ha vent’anni, è nel fiore della giovinezza e della bellezza, trova lavoro come dattilografa e traduttrice di italiano e spagnolo presso la Dalmine e partecipa nel 1951 al concorso delle Miss Italiane di Argentina, classificandosi al terzo posto. Il meritato premio le offre la possibilità del cinema e così diventa attrice per un film argentino girato nella Terra del Fuoco, che partecipa pure al Festival del Cinema di Venezia. Poi il matrimonio con un italiano originario di La Spezia, la propria azienda familiare, la nascita delle figlie Daniela e Marina e le vicende politiche del governo peronista e il crollo economico del Paese. Tutti insieme decidono di ritornare alle loro radici nel 1982 e di re-iniziare una vita italiana proprio a Montemagno, con l’Argentina sempre nel cuore.

Anche Paolo e la sua famiglia originari di Torino, ma con radici montemagnesi, partono per il Venezuela tra il 1976-77. Lascia la sua autoconcessionaria e si re-inventa un’attività a Isla Margarita nel Mar dei Caraibi. Diventa imprenditore nelle costruzioni e per le competenze e le sue origini italiane gli viene attribuito l’incarico di Corrispondente Consolare e poi Console Onorario in Venezuela. Fonda a Caracas nel 1982 l’Associazione dei Piemontesi; poi nel 1990 torna in Italia e inizia a lavorare per un azienda italiana di meccanica che apre dei nuovi stabilimenti in Bulgaria e per quattro anni si ritrova a vivere una nuova avventura in un Paese che stava uscendo dalla dittatura, affrontando disagi e imprevisti di ogni genere.

“Due storie diverse quelle dei nostri Amici, afferma Manuela Bocco Ghibaudi, Presidente di “Asti Ali e Radici”, ma accomunate da un grande spirito di entusiasmo per la vita e per la lotta in un futuro migliore. Con sé hanno portato le comuni tradizioni e i valori della propria terra che sono stati la forza principale dei giorni più difficili e di quelli più gioiosi”.
L’incontro è stato funzionale anche per raccogliere materiale per il Centro di Documentazione sulla storia dell’emigrazione astigiana: numerosi scritti, fotografie, lettere e racconti del diario personale dei nostri protagonisti troveranno un’ampia visibilità e saranno resi disponibili ai turisti e pellegrini che visiteranno le terre di Papa Bergoglio.

Share This Post

More To Explore

Comunicati e News

Papa francesco ad asti

PERCORSO CITTADINO DEL PAPA Papa Francesco celebrerà la Messa Domenica 20, alle ore 11.00, nella cattedrale di Asti. Piazza Catena Via Giobert Piazza Lugano Viale